Il bambino che verrà

Il bambino che verra

 

Sinossi
Due, ma potrebbero essere uno.
Eppure sono due.
Due figure in scena. Sembrano gemelli. Forse perchè sono vestiti nello stesso identico modo, con un tessuto che li fa assomigliare ad una carta da parati, o ad un inutile suppellettile passata di moda.
Ma a volte sembrano uno, questi due. Perchè si immergono l’uno nell’altro, si intrecciano fino a che le gambe dell’uno sono le gambe dell’altro, le braccia dell’uno sono le braccia dell’altro, il torso dell’uno è il torso dell’altro.
Forse una leggera differenza tra questi due esiste, nonostante il loro vestiario, nonostante il loro essere gemelli. Uno è maschio, l’altro è femmina, dovrà pure esserci una differenza. Uno è dominante, l’altro è dominato, dovrà pure esserci una differenza. Ma non c’è equazione tra maschio = dominante, femmina = dominato, potrebbe essere l’opposto.
A ben guardare poi, questi due non sono affatto inutili. Anzi.
Sono molto operosi queste due figurine un po’ caricaturali, un po’ grottesche, un po’ paradossali. Operosi perchè costruiscono muri, spingono complicati marchingegni, producono energia, raccolgono cibo, ma soprattutto in cuor loro e nei loro dialoghi aspettano.
Aspettano un salvatore, un redentore, nella forma di un bambino che li solleverà finalmente da tutte queste gravose quotidiane incombenze di costruire muri, spingere marchingegni, produrre energia.
Certo, quelli di lassù, i capi che vivono nei verdi pascoli di sopra, glielo hanno promesso. Gli manderanno un bambino a questi due figuri, un bambino che lavori per loro, sia il loro bastone della vecchiaia, e riproduca all’infinito questo ciclo di sfruttamento. Glielo manderanno in questo scantinato buoi, in questa cella, che confina con i prati verdeggianti, ma è separato da essi da filo spinato.
Gli unici mezzi di comunicazione tra i due mondi, tra il verde lussureggiante di lassù, e il grigio triste di quaggiù, sono tre lampadine colorate che scandiscono il ciclo di lavoro-lavoro più duro-punizione, e una cassetta della posta. Un cassetta di quelle che si vedono nei film americani anni cinquanta, una cassetta rassicurante, dalle tinte pastello, generalmente foriera di liete novelle.
Il bambino dovrebbe arrivare da questa cassetta, apparire magicamente in essa come se fosse una moderna mangiatoia. La sua venuta sarà la fine del duro lavoro di questi due esserini spersi, incattiviti, speranzosi.
Oppure no? E se il bambino che verrà non venisse? O se fosse monco e menomato allora chi aiuterebbe questi due gemelli a lavorare?

Perché – Note di regia
Nel 2010 l’autrice Soledad Agresti, fondatrice insieme a Raffaele Furno, Janos Agresti, Isabella Sandrini, e Benedetta Verrengia della Compagnia Teatrale Imprevisti e Probabilità, era a Cuba.
Era stata invitata nell’isola caraibica come vincitrice del premio di drammaturgia internazionale La lingua/e della differenza/e per la prima in lingua spagnola della sua precedente commedia “La gamba di Sarah Bernhardt”.
In quell’occasione Soledad Agresti ha avuto la possibilità di incontrare moltissimi artisti cubani, attori, registi, e di apprezzare il lodevole supporto pubblico alle arti da parte dello stato. Allo stesso tempo ha avuto modo di osservare da vicino la mancanza di alcuni elementari diritti quali la libertà di parola e di pensiero.
Di ritorno in Italia ha incominciato ad incubare i primi semi del testo “Il bambino che verrà” in cui, attraverso un gioco quasi beckettiano, due individui non meglio definiti si trovano a subire le angherie schiavistiche di un gruppo di uomini al potere. Una lotta di classe che si evoca attraverso la netta contrapposizione scenica dei pochi elementi: una verde collinetta fiorita con la sua bella cassetta delle lettere da una parte, lo spoglio palcoscenico grigio dall’altra.
I personaggi sono vittime di un infinito ciclo di sfruttamento fatto di paura, ripetitività ed attesa. Ma all’interno di questo ciclo, irrompe necessariamente lo spirito della rivolta, la volontà umana di vedere riconosciuti i propri diritti
Di quale stato è metaforica espressione questo testo? Chi sono i due individui così fortemente vessati? E’ la mancanza di rappresentanza politica libera a Cuba o il violento disinteresse dello stato italiano verso le arti, verso i lavoratori ad essere presi di mira?
Forse, in realtà, la risposta è un connubio dei due, come chiaro segnale del fatto che ad ogni latitudine ci sono popoli che devono combattere la propria battaglia di dignità per sentirsi riconosciuti.

Scheda tecnica
“Il bambino ch verrà” è una produzione Associazione Culturale Il Berretto a Sonagli – Compagnia Teatrale Imprevisti e Probabilità.
Testo di Soledad Agresti
Regia di Raffaele Furno
Disegno luci di Janos Agresti
Disegno audio di Mauro Sandomenico
Consulenza musicale di Isabella Sandrini
Esigenze tecniche: 10 fari pc, 1 gelatina blu, 1 gelatina ambra, sistema audio con lettore cd.
Spettacolo adattabile a qualsiasi tipo di palco.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi