Dicono di noi: “La gamba di Sarah Bernhardt”

E’ di Scauri la vincitrice del Premio internazionale di drammaturgia “La Scrittura della Differenza”
Il 12, 13 e 14 maggio presso il Teatro Mercadante di Napoli, si potrà assistere alle battute finali del concorso internazionale di drammaturgia “La scrittura della differenza” che ha coinvolto Cuba, l’Argentina e l’Italia e che ha visto premiata l’opera italiana di Soledad Agresti. Soledad Agresti è una giovane artista nata a Formia (Lt), fondatrice, assieme a Raffaele Furno, Janos Agresti, Benedetta Verrengia e Isabella Sandrini, della “Compagnia Teatrale Imprevisti & Probabilità”: scrittrice, attrice e pittrice, ha assimilato con esattezza il dramma. Il tono della commedia italiana “La gamba di Sarah Bernhardt”, vincitrice della kermesse internazionale, l’ha aiutata ad affrontare le questioni più pressanti della realtà contemporanea. Problemi quali la disoccupazione, lo stato crescente di disperazione, l’indifferenza del Potere e, soprattutto la crisi della famiglia e la perdita di valori etici generati dall’impoverimento economico sono visti con l’occhio critico dello scrittore, con una fine ironia e con una profonda sensibilità reale. “La scrittura della differenza” è un premio rivolto esclusivamente a opere teatrali originali di donne già professionalmente inserite nel mondo teatrale con l’obiettivo d’incentivare la drammaturgia femminile, di creare una rete internazionale e di facilitare la circolazione e la conoscenza dei testi nonché lo scambio professionale. La scrittura della differenza: Biennale internazionale di drammaturgia femminile nasce a Barcellona nel 1999, ma a partire dalla seconda edizione (2000/2001), la manifestazione viene trasferita a Napoli, dove si sono svolte tutte le edizioni successive. Una delle caratteristiche distintive della biennale è stata da sempre la scelta di tre opere vincitrici, una per ognuna delle nazioni coinvolte (oltre a quella della Agresti sono state inoltre premiate “Las flores contada” scritta da Sandra Franzen per l’Argentina e, per Cuba, il testo “Strip-Tease” dell’autrice Agnieska Hernández Díaz) e la loro “mise en éspace”: non si tratta di semplici letture drammatizzate, non si tratta di ascoltare un testo interpretato da attori, ma di vedere una rappresentazione, uno spettacolo, nella quale la visione del regista fa un passo indietro per dare spazio a quella dell’autore. In occasione della Vª Edizione – 2010/2011, la manifestazione si è tenuta a Santiago di Cuba, dal 8 al 13 di marzo 2011 dove, oltre alle ormai consuete “mise en éspace”, si è tenuta la cerimonia di premiazione e la presentazione del libro La scrittura della Differenza – 2010/11 – V Edizione (contente le opere premiate).
A conclusione di questa articolata operazione culturale nei giorni 12, 13 e 14 maggio ci sarà la messa del testo cubano Strip-Tease, in omaggio alla nazione ospite dell’evento, messo in scena dalla regista italiana Alina Narciso.
(10-05-2011)

MACUBÁ PREMIERED THE PLAY “LA PIERNA DE SARAH BERNHARDT”

Written by Pascual Díaz Fernández

At its headquarters, the Café Teatro Macubá, and the general art direction of Fátima Patterson, was held on the evening of last Friday, March 11 the premiere in Cuba of the play “La pierna de Sarah Bernhardt,” by Soledad Agresti. The new staging participated, along with two others, of the most significant moments of the V Biennial of Feminine Dramaturgy, held in the city from Tuesday 8 to Sunday 13. Soledad Agresti is a young plastic artist and set designer, which has incorporated, with accurateness, to the drama. The tone of the Italian comedy has helped her to address pressing issues of the contemporary reality. Problems such as unemployment, the growing state of hopelessness, government indifference and, above all, family crisis and loss of ethical values generated by the economic impoverishment are seen by the critical eye of the writer with a fine irony and a deep sensitivity. The staging of the piece of Soledad Agresti has been a real challenge for studio Teatral Macubá. The group is formed in a theatrical tradition interested in popular culture, but possessing at the same time, a rigor, discipline and knowledge of the unusual performance techniques. They have been able of taking the dramatic situation in appearances only consistent with the problems of the developed world and, in essence, transform it into a problem beyond any geographic or historical boundary. It is the nature of capitalism that causes the degradation of human values cherished at any point on our planet. Two aesthetic lines converge in “La pierna de Sarah Bernhardt.” On the one hand, the tradition of the domestic comedy of social message that highlights from Pirandello to Dario Fo and, on the other hand, the poetics of the popular theater with its types and typical situations of the problem associated always with the economic emergencies, the social appearances and survival. From Italian comedy we go to the Cuban farce but without achieving that of traduttore, tradittore. They have been two provocations to reality and two readings of the same that have achieved full convergence in the enjoyment of the public and the need to reflect and, in particular, to do something to change the situation. The complaint, through the tone of black humor, has done its part. It only remains the public to play its part. “La escritura de la diferencia” has sown seed. It will give its new fruit sooner rather than later.

Translated by Rafael Delmer Marzo Cueto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi